IMU - IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA

 

INFORMAZIONI SULL`IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA

banner calcolo IMU Calcolo IUC

NOVITA`

Aggiornamenti Ministeriali

Regolamento I.M.U.

Chi deve pagare l’I.M.U.?

Le scadenze

Ravvedimento operoso

Dichiarazione

Le aliquote

Modalità di pagamento

Modalità di versamento dell`IMU da parte di soggetti non residenti

Denuncia IMU - Modello e Istruzioni

Codici Tributo

Saldo

Come si calcola l`I.M.U.: IMMOBILI E TERRENI

Valore aree edificabili anno 2017

Valore aree edificabili anno 2016

Valore aree edificabili anno 2015

Valore aree edificabili anno 2014

Valore aree edificabili anno 2013

Valore aree edificabili anno 2012

Moltiplicatori

Detrazioni

Normativa di riferimento


NOVITA`

Aggiornamento novembre 2016: RIEPILOGO ALIQUOTE IMU

4 per mille: Unità immobiliari adibite ad abitazione principale classificate nelle cat.Catastali A1, A8 e A9 e relative pertinenze, con la detrazione prevista dall’art.13,comma 10, del D.L.n. 201/2011

10,6 per mille: aliquota base per tutti gli altri fabbricati e aree fabbricabili.

Aggiornamento 2016

Di seguito le principali novità introdotte dalla legge di stabilità 2016:

  • IMU su immobili concessi in comodato gratuito (comma 10): le impostazioni valide per gli anni precedenti sono completamente eliminate e viene introdotta una sola forma di comodato gratuito con riduzione del 50% della base imponibile. Si tratta di una impostazione molto restrittiva in quanto limita le possibilità del comodato gratuito a pochi casi: si deve essere proprietari di un solo immobile oppure di 2 immobili ma in tal caso uno dei due deve essere necessariamente abitazione principale del proprietario. In più c`è la condizione che l`immobile (o i due immobili) sia presente nello stesso comune dove si ha la residenza e la dimora abituale. Sono esclusi i comodati per le abitazioni di lusso (Cat, A1, A8 e A9); per ulteriori dettagli clicca qui: comodato d`uso .
  • IMU Terreni agricoli - esenzione per i terreni nei comuni riportati nella circolare Giugno/1993 come montani o parzialmente montani (in caso di parziale delimitazione - PD - l`esenzione vale solo per i terreni nelle zone parzialmente delimitate).
  • Esenzione IMU estesa agli immobili di cooperative edilizie a proprietà indivisa destinate a studenti universitari soci assegnatari, anche in deroga al richiesto requisito della residenza anagrafica
  • Esclusione dei macchinari cosidetti "imbullonati" dalla determinazione diretta delle rendite catastali del Gruppo D ed E: "Sono esclusi dalla stima diretta delle rendite catastali i macchinari, congegni, attrezzature ed altri impianti, funzionali allo specifico processo produttivo."

aliquote IMU

legge stabilità 2016

Aggiornamento del 27/01/2015

A seguito del Consiglio dei Ministri n.46 del 23/01/2015, la scadenza dell’IMU per i terreni agricoli per l’anno 2014 è stata posticipata al 10 Febbraio 2015

Si ricorda che la scadenza del pagamento IMU è il 16 Dicembre. Le aliquote sono rimaste invariate rispetto all`anno 2012.

AVVISO AGLI UTENTI

Si informano tutti gli utenti che con Decreto Legge n. 54 del 21 maggio 2013 è stata disposta la sospensione fino al 16 settembre 2013 del pagamento dell`Imposta municipale propria sui seguenti immobili:
 
a) abitazione principale e relative pertinenze, esclusi i fabbricati classificati nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9;

b) unità immobiliari appartenenti alle cooperative edilizie a proprietà indivisa, adibite ad abitazione principale e relative pertinenze dei soci assegnatari, nonché alloggi regolarmente assegnati dagli Istituti autonomi per le case popolari (IACP) o dagli enti di edilizia residenziale pubblica, comunque denominati, aventi le stesse finalità degli IACP, istituiti in attuazione dell`articolo 93 del decreto del Presidente della Repubblica 24 luglio 1977, n. 616;

c) terreni agricoli e fabbricati rurali di cui all`articolo 13, commi 4, 5 e 8, del decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201, convertito, con modificazioni, dalla Legge 22 dicembre 2011, n. 214, e successive modificazioni.

Il decreto interministeriale del 28 novembre 2014 rimodula l’applicazione dell’esenzione dall’IMU per i terreni montani.
I soggetti obbligati al versamento dell’IMU per l’anno 2014 sulla base di detto decreto devono effettuarlo in un’unica rata entro il 26 Gennaio 2015.

Il decreto interministeriale suddivide i Comuni in tre fasce, in base all’altitudine ed il Comune di Gavorrano rientra tra quelli con altitudine fino a 281 metri s.l.m. nei quali il pagamento spetta a tutti i terreni agricoli posseduti dai contribuenti.

Tutti i soggetti dovranno calcolare l’IMU prendendo a riferimento come base imponibile il reddito dominicale risultante in catasto, vigente al 1° gennaio 2014.
Quindi tutti i terreni che a giugno 2014 non sono stati interessati dal tributo locale, dovranno conguagliare l’importo a gennaio 2015, in un’unica soluzione (senza alcun ravvedimento). 


COME SI CALCOLA

Per i terreni agricoli il coefficiente di rivalutazione è del 25% e il moltiplicatore è 135.
Il calcolo dell`imponibile è: Reddito dominicale x 1,25 x 135; a questo imponibile si applica l`aliquota deliberata.
Per i terreni posseduti e condotti da CD e IAP dal 2014 il moltiplicatore è 75 (L. 147/2013 comma 707) e quindi, in generale, il calcolo dell`imponibile è: Reddito dominicale x 1,25 x 75.

N.B. se il terreno è di un Coltivatore Diretto o Imprenditore Agricolo a titolo Principale (IAP) e viene dato in affitto a terzi, il terreno non beneficia delle agevolazioni riservate ai CD/IAP e il moltiplicatore da utilizzare è 135.

IL CODICE TRIBUTO E L’ALIQUOTA

Il codice tributo da utilizzare è il 3914 e l’aliquota è 7,6 per mille.

Normativa:

DM 28 Novembre 2014
DECRETO-LEGGE 16 dicembre 2014, n. 185

Inoltre solo nella pagina IMU vanno inseriti anche questi due paragrafi:

Enti non commerciali
Per gli immobili posseduti e utilizzati da enti non commerciali di cui all`art. 7, comma 1, lett. i) del D. Lgs. 504/92, l`esenzione è riconosciuta solo se destinati esclusivamente alle attività elencate allo stesso comma dell`art. 7, con modalità non commerciali, fatta eccezione per gli immobili posseduti da partiti politici, che restano assoggettati all`imposta indipendentemente dalla destinazione d`uso dell`immobile.

Se gli immobili hanno un`utilizzazione mista, l`esenzione si applica solo alla frazione di unità nella quale si svolge l`attività di natura non commerciale (decreto n. 200 del 19 novembre 2012)

Dal 2014, possono rientrare nei casi di esenzione anche gli immobili destinati esclusivamente ad attività di ricerca scientifica, purché venga presentata la relativa dichiarazione Imu a pena di decadenza.

Il versamento è effettuato dagli enti non commerciali esclusivamente con mod. F24 in tre rate di cui le prime due, di importo pari ciascuna al 50% dell`imposta complessivamente corrisposta per l`anno precedente, devono essere versate entro il 16 giugno e 16 dicembre, l`eventuale conguaglio dell`imposta complessivamente dovuta, deve essere versata entro il 16 giugno dell`anno successivo a quello cui si riferisce il  versamento.

Gli enti non commerciali eseguono i versamenti del tributo con eventuale compensazione dei crediti, nei confronti dello stesso comune nei confronti del quale è scaturito il credito, risultanti dalle dichiarazioni presentate successivamente alla data  del 1.1.2014.

Riguardo alla dichiarazione Imu, gli enti non commerciali presentano la dichiarazione esclusivamente in via telematica, secondo le modalità approvate con apposito decreto del Ministero dell`economia e delle finanze del 26 giugno 2014. La dichiarazione relativa agli anni 2012 e 2013 deve essere presentata entro il 30 settembre 2014.


Fabbricati "merce"
I fabbricati costruiti e destinati dall`impresa costruttrice alla vendita, fino a quando permane tale destinazione e non siano in ogni caso locati, sono esenti (si veda la risoluzione ministeriale n. 11/DF del 2013).


Sono stati inoltre modificati:

i Codici Tributo

il Valore aree edificabili anno 2013

Torna su
 

Aggiornamenti Ministeriali

CIRCOLARE MEF N.2-DF DEL 23/5/2013

D.L. n° 54/2013


Estratto circolare n. 1/DF del 29/04/2013:
Chiarimenti in materia di omesso versamento IMU e omessa dichiarazione IMU

Torna su

Regolamento I.M.U.

Con deliberazione di C.C. n° 36/2012 è stato approvato il regolamento per l`imposta municipale propria.

Per visualizzarlo clicca sul seguente documento:

 Regolamento I.M.U.

Torna su
 

Chi deve pagare l’I.M.U.?

  Il proprietario di immobili (fabbricati o terreni) compresa l`abitazione principale e le sue pertinenze (es. cantina, posto auto, autorimessa), sul territorio italiano;
  il titolare del diritto reale di usufrutto, uso, abitazione, enfiteusi, superficie sugli stessi;
  l’ex coniuge affidatario della casa coniugale;
  il locatario per gli immobili, anche da costruire o in corso di costruzione, concessi in locazione finanziaria;
  Non è invece tenuto al pagamento il titolare della nuda proprietà

Torna su

Le scadenze

- 50% dell’imposta annua dovuta a titolo di acconto entro il 16 giugno.
- 50% dell’imposta annua dovuta a titolo di saldo entro il 16 dicembre.

Torna su


Ravvedimento Operoso IMU

Se il pagamento viene fatto dopo la scadenza ma entro i 14 giorni successivi, dovrà essere pagata contestualmente anche una sanzione pari allo 0,2% per ogni giorni di ritardo; dal 15° al 30° giorno di ritardo la sanzione la sanzione è pari al 3% dell’ imposta, se il pagamento avviene entro un anno della scadenza, la sanzione è pari al 3,75%. Ai pagamenti vanno aggiunti gli interessi, calcolati al tasso legale con maturazione giorno per giorno.

Il contribuente che intende sanare la violazione dovrà munirsi di un modello F24 per il versamento IMU e compilarlo secondo le istruzioni allegate al modello stesso.

Torna su

Dichiarazioni IMU


Al termine di scadenza per presentare la prima dichiarazione IMU, ove dovuta, è stato fissato entro il 30 giugno dell’anno successivo al crearsi dell’evento;

Torna su

 
Le aliquote

Le aliquote IMU per il 2017 sono state fissate con Del. C.C. 57/2016

 Torna su

Modalità di pagamento


L’imposta deve essere pagata per l`acconto utilizzando esclusivamente il modello F24.
L`utilizzo del modello F24 è gratuito per il contribuente e la consegna del modulo compilato può essere effettuata presso le banche, gli uffici postali e nelle agenzie di riscossione.
N.B.: il pagamento deve essere effettuato con arrotondamento all’euro per difetto se la frazione è inferiore a 49 centesimi (es. 144,35 diventa 144,00), per eccesso se superiore a detto importo (es. 144,50 diventa 145,00).

Torna su

Modalità di versamento dell`IMU da parte di soggetti non residenti

I contribuenti non residenti nel territorio dello Stato devono versare l`imposta municipale propria calcolata con le modalità esposte in questa pagina.

Nel caso in cui non sia possibile utilizzare il modello F24 per effettuare i versamenti IMU dall`estero occorre provvedere con le seguenti modalità:

  • per la quota spettante al Comune i contribuenti devono accreditare l`importo dovuto sul conto corrente dell`Ente utilizzando il seguente codice IBAN: IT 96 G 01030 72251 000063102259   -  SWIFT "PASCITM1G98"
  • per la quota riservata allo Stato i contribuenti devono effettuare un bonifico direttemente in favore della Banca d`Italia (codice BIC BITAITRRENT) utilizzando il codice IBAN IT02G0100003245348006108000.

Copia di entrambe le operazioni deve essere inoltrata al Comune per i successivi controlli.

Come causale dei versamenti devono essere indicati:

  • codice fiscale o partita IVA del contribuente o, in mancanza, il codice di identificazione fiscale rilasciato dallo Stato estero di residenza, se posseduto;
  • la sigla IMU, il nome del Comune ove sono ubicati gli immobili ed i relativi codici tributo;
  • l`annualità di riferimento;
  • l`indicazione "acconto" o "saldo" nel caso di pagamento in due rate. Se il contribuente, per l`abitazione principale, sceglie di pagare l`IMU in tre rate, deve indicare se si tratta di "Prima rata", "Seconda Rata" o "Saldo".

Torna su

Denuncia IMU - Modello e Istruzioni

E` stato pubblicato sulla gazzetta ufficiale n. 258 del 5 novembre 2012, il Decreto 30 ottobre 2012 del Ministero dell`Economia e delle Finanze, recante l`approvazione del Modello di dichiarazione IMU e delle relative istruzioni.

Il termine per la presentazione della Dichiarazione IMU relativa all`anno 2012 è stato prorogato al 4 Febbraio 2013 (comunicato stampa MEF n. 172 del 28/11/2012).

 Istruzioni

 Modello

 Decreto 30/10/2012

Torna su


Codici Tributo

Il codice ente del Comune di Gavorrano è D948.

I codici tributo sono i seguenti:

3912 – IMU abitazione principale e relativa pertinenze - Comune;
3914 – IMU terreni – Comune;
3916 – IMU aree fabbricabili – Comune;
3918 – IMU altri fabbricati – Comune;
3923 – IMU interessa da accertamento – Comune;
3924 – IMU sanzioni da accertamento – Comune;
3925 – IMU immobile ad uso produttivo classificati nel gruppo catastale    D – STATO
3930 – IMU – immobili ad uso produttivo classificati nel gruppo catastale D – INCREMENTO COMUNE.

Torna su

Saldo


Il calcolo della rata del 16 Dicembre 2012 dovrà essere effettuato con le aliquote deliberate dal Comune di Gavorrano.

Versamento fabbricati rurali ad uso strumentale (art. 13 d.l. 201/2011 comma 8)

“Per l`anno 2012, la prima rata è versata nella misura del 30 per cento dell`imposta dovuta applicando l`aliquota di base e la seconda rata è versata a saldo dell`imposta complessivamente dovuta per l`intero anno con conguaglio sulla prima rata.
Per l`anno 2012, il versamento dell`imposta complessivamente dovuta per i fabbricati rurali di cui al comma 14-ter (14-ter. I fabbricati rurali iscritti nel catasto dei terreni, con esclusione di quelli che non costituiscono oggetto di inventariazione ai sensi dell`articolo 3, comma 3, del decreto del Ministro delle finanze 2 gennaio 1998, n. 28, devono essere dichiarati al catasto edilizio urbano entro il 30 novembre 2012, con le modalità stabilite dal decreto del Ministro delle finanze 19 aprile 1994, n. 701) e` effettuato in un`unica soluzione entro il 16 dicembre.” 

Torna su

 
Come si calcola l`I.M.U.

  • Per gli immobili

Rendita catastale + 5% = Rendita rivalutata
Rendita rivalutata x moltiplicatore = Valore patrimoniale
Valore patrimoniale x aliquota = I.M.U. annua a cui applicare le eventuali detrazioni

  • Per i terreni

Per i terreni agricoli il coefficiente di rivalutazione è del 25% e il moltiplicatore è 135.
Il calcolo dell`imponibile è: Reddito dominicale x 1,25 x 135; a questo imponibile si applica l`aliquota deliberata.
Per i terreni posseduti e condotti da CD e IAP dal 2014 il moltiplicatore è 75 (L. 147/2013 comma 707) e quindi, in generale, il calcolo dell`imponibile è: Reddito dominicale x 1,25 x 75.

N.B. se il terreno è di un Coltivatore Diretto o Imprenditore Agricolo a titolo Principale (IAP) e viene dato in affitto a terzi, il terreno non beneficia delle agevolazioni riservate ai CD/IAP e il moltiplicatore da utilizzare è 135.

I terreni erano esenti IMU fino al 31/12/2013

IL CODICE TRIBUTO E L’ALIQUOTA

Il codice tributo da utilizzare è il 3914 e l’aliquota è 7,6 per mille.

Normativa:

DM 28 Novembre 2014

DECRETO-LEGGE 16 dicembre 2014, n. 185 


Per calcolare rapidamente l`IMU clicca sul seguente link:

Calcolo IMU per il Comune di Gavorrano 

banner calcolo IMU

Torna su

Valore delle aree edificabili ai fini IMU 2017

Con deliberazione di G.C. n. 28/2017, sono stati approvati i valori delle aree edificabili ai fini I.M.U. per l`anno 2017.

Scarica la delibera per verificare i valori:

Del.G.C. 28/2017

Torna su

Valore delle aree edificabili ai fini IMU 2016

Con deliberazione di G.C. n. 36/2016, sono stati approvati i valori delle aree edificabili ai fini I.M.U. per l`anno 2016.

I nuovi valori sono i seguenti:

- Bagno di Gavorrano e Filare € 120,84 al mc. costruibile
- Gavorrano, Giuncarico e Caldana € 89,55 al mc. costruibile
- Ravi, Potassa, Castellaccia, Bivio Ravi e Grilli € 72,28 al mc. costruibile;
- aree P.i.p. € 22.65 al mq.
Viene previsto un abbattimento del 30% dei valori suddetti in caso di comprovate cattive condizioni di edificabilità dovute alla natura del terreno (eccessiva pendenza, instabilità geologica, etc...)

- fabbricati collabenti ubicati al di fuori delle aree urbane €47,11 al mc. costruibile

Torna su

Valore delle aree edificabili ai fini IMU 2015

Con deliberazione di G.C. n. 70/2015, sono stati approvati i valori delle aree edificabili ai fini I.M.U. per l`anno 2015.

I nuovi valori sono i seguenti:

- Bagno di Gavorrano e Filare € 120,48 al mc. costruibile
- Gavorrano, Giuncarico e Caldana € 89,28 al mc. costruibile
- Ravi, Potassa, Castellaccia, Bivio Ravi e Grilli € 72.06 al mc. costruibile;
- aree P.i.p. € 22.58 al mq.
Viene previsto un abbattimento del 30% dei valori suddetti in caso di comprovate cattive condizioni di edificabilità dovute alla natura del terreno (eccessiva pendenza, instabilità geologica, etc...)

Torna su


Valore delle aree edificabili ai fini IMU 2014

Con deliberazione di G.C. n° 41/2014, sono stati approvati i valori delle aree edificabili ai fini I.M.U. per l`anno 2014.

I nuovi valori sono i seguenti:

- Bagno di Gavorrano e Filare € 119,30 al mc. costruibile
- Gavorrano, Giuncarico e Caldana € 88,41al mc. costruibile
- Ravi, Potassa, Castellaccia, Bivio Ravi e Grilli € 71,36 al mc. costruibile;
- aree P.i.p. € 22,36 al mq.

Viene previsto un abbattimento del 30% dei valori suddetti in caso di comprovate cattive condizioni di edificabilità dovute alla natura del terreno (eccessiva pendenza, instabilità geologica, etc...)

Torna su

Valore delle aree edificabili ai fini IMU 2013

Con deliberazione di G.C. n° 41/2013, sono stati approvati i valori delle aree edificabili ai fini I.M.U. per l`anno 2013.

I nuovi valori sono i seguenti:

- Bagno di Gavorrano e Filare € 118,12 al mc. costruibile
- Gavorrano, Giuncarico e Caldana € 87,54 al mc. costruibile
- Ravi, Potassa, Castellaccia, Bivio Ravi e Grilli € 70,66 al mc. costruibile;
- aree P.i.p. € 22,14 al mq.

Viene previsto un abbattimento del 30% dei valori suddetti in caso di comprovate cattive condizioni di edificabilità dovute alla natura del terreno (eccessiva pendenza, instabilità geologica, etc...)

Torna su


Valore delle aree edificabili ai fini IMU 2012

Con deliberazione di G.C. n° 91 del 17/09/2012, sono stati approvati i valori delle aree edificabili ai fini I.M.U. per l`anno 2012.

I nuovi valori sono i seguenti:

-   Bagno di Gavorrano e Filare: € 115,58 al mc. costruibile
-   Gavorrano, Giuncarico e Caldana: € 85,66 al mc. costruibile
-   Ravi, Potassa, Castellaccia, Bivio Ravi e Grilli: € 69,14 al mc. costruibile
-   aree P.I.P.: € 21,67 al mq.

Viene previsto un abbattimento del 30% dei valori suddetti in caso di comprovate cattive condizioni di edificabilità dovute alla natura del terreno (eccessiva pendenza, instabilità geologica, etc...)

Torna su

Moltiplicatori

 

Classificazione  Moltiplicatore
Gruppo catastale A (esclusi gli A/10); C/2, C/6 e C/7 160
A/10   80
Gruppo catastale B 140
C/1 55
C/3, C/4 e C/5 140
Gruppo catastale D (esclusi i D/5) 65
D/5   80
Terreni agricoli 135

Per i terreni agricoli, nonché per quelli non coltivati, posseduti e condotti dai coltivatori diretti e dagli imprenditori agricoli professionali iscritti nella previdenza agricola  

110

 

Torna su
   

Detrazioni (Art.13 D.L. 201/2011 comma 10)


“Dall`imposta dovuta per l`unità immobiliare adibita ad abitazione principale del soggetto passivo e per le relative pertinenze, si detraggono, fino a concorrenza del suo ammontare, € 200,00 rapportati al periodo dell`anno durante il quale si protrae tale destinazione. Per gli anni 2012 e 2013, la detrazione prevista dal primo periodo è maggiorata di € 50,00 per ciascun figlio di età non superiore a ventisei anni, purché dimorante abitualmente e residente anagraficamente nell`unità immobiliare adibita ad abitazione principale. L`importo complessivo della maggiorazione, al netto della detrazione di base, non può superare l`importo massimo di € 400,00.” In sintesi, la detrazione può arrivare ad un importo massimo di € 600,00.

Torna su

Normativa di riferimento


Si ricorda che la normativa di riferimento è la seguente:
  Art. 13 del D.L. 6 dicembre 2011, n. 201, convertito con L. 22 dicembre 2011, n. 214.
  Art. 4 D.L. 2 Marzo 2012, n. 16
  Art. 8 D.Lgs. 14 marzo 2011, n. 23
  Art. 9 D.Lgs. 14 marzo 2011, n. 23
  Art. 4 comma 12-quinquies del D.L. 2 marzo 2012, n. 16, convertito con L. 26 aprile 2012, n. 44
  Circolare ministeriale n.3/DF del 18/05/2012
  Slide ministeriali sull’ I.M.U. (con casi pratici)

Torna su



Primi piani
Elenco primi piani





Leader+

Mayors For Peace

Città dell'olio

Città del vino

Parco Minerario Naturalistico di Gavorrano

Teatro delle Rocce di Gavorrano

Parco Tecnologico e Archeologico delle Colline Metallifere Grossetane